Giornata Internazionale contro l’omo-bi-transfobia

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp

A cura di

Gianmarco Antifora

Gianmarco Antifora

“Tante piccole persone che in tanti piccoli posti fanno tante piccole cose, possono cambiare il volto del mondo.”

È stato questo il principio ispiratore dell’evento organizzato ieri, lunedì 17 Maggio, in occasione della giornata internazionale contro l’omobitransfobia.

A far da anfitrione nell’ormai noto Giardino Botanico Veneziani, ci ha pensato MUVT nella persona di Gianmarco Antifora, presidente dell’associazione.

Protagonisti della serata dunque sono stati i giovani e le giovani biscegliesi che, attraverso il gruppo giovani 062 di Amnesty International, Bisceglie illuminata e gli studenti del liceo classico Da Vinci, hanno portato le loro riflessioni in merito al tema spinoso della discriminazione delle persone LGBTQIA+ vittime di violenza tanto in contesti scolastici e familiari (bullismo, mancanza di un’adeguata sensibilità da parte degli adulti, spesso respingenti), come in quelli nazionali e internazionali (Legge Zan e violazione dei diritti umani in Cecenia).

L’amministrazione è intervenuta con piacere in questo primo evento in presenza: il Sindaco Angelantonio Angarano, l’assessora alle pari opportunità Roberta Rigante e la presidentessa della commissione pari opportunità Lia Storelli, che hanno fortemente sostenuto la lotta che le associazioni fanno ogni giorno sul campo anche attraverso organi come la commissione pari opportunità, arricchita nella sua composizione.

L’intervento a sostegno della causa contro la discriminazione è arrivato anche dalla cantautrice Marta De Feo che attraverso i suoi testi (Firenze) e la sua voce ha potuto esprimere l’amore che prova per la propria ragazza.

Cruciale è stato l’intervento delle associazioni, Fidapa, Cav Save Trani Bisceglie, Agedo e Arcigay che da anni si occupano di questo tema e che hanno portato la loro esperienza e la loro resilienza nella lotta contro la discriminazione per l’orientamento sessuale e l’identità di genere.

In particolare Luciano Lopopolo presidente nazionale dell’Arcigay Nazionale, Paola Franco presidentessa Agedo BAT e Grazia Iannone presidentessa dell’Arcigay BAT hanno ribadito l’importanza del 17 Maggio, giornata internazionale contro l’omobitransfobia, in quanto nel 1990 l’omosessualità è stata rimossa dalla lista delle malattie mentali.

Inoltre, unitariamente è stata riaffermata l’importanza del DDL Zan.

A cura di

Ricordami
X